UN ARTICOLO COMPARSO SUL NUMERO DI NOVEMBRE 2009 DELLA RIVISTA DINERS CLUB MAGAZINE

 

ELOGIO alla attesa
Roberto Cardone: pittore e poeta del silenzio e della armonia

 

 

Clicca sull'immagine per ingrandirla

 

Chiamo al telefono il Maestro Cardone, è al mare, una giornata uggiosa, e subito si appresta a dire quanto sia magnifica.
L’animo melanconico, quella leggera venatura di tristezza che pervade il carattere, rendendolo profondo ed orientato all'introspezione, viene immediatamente fuori come nota di fondo.
Un uomo capace di emozionarsi fino alle lacrime di fronte ad un tramonto o ascoltando una musica. Ma la forte fiducia nella vita e una visione positiva, supportata dalla presenza costante e vitale della moglie Viviana, rendono il Maestro un entusiasta della vita.
Uomo di memoria, abile nel sussurrare con la sua pittura i ricordi di un’isola come è rimasta nel suo immaginario, Grado; che usa le tele solo in particolari condizioni d’animo, come necessità interiore, per aprire la mente o rasserenare l’animo; sempre e soltanto per sé, lontano dalle logiche di mercato o di
convenienze. Così come le sue poesie, raccontano i sentimenti, mettono a nudo l’anima “Sommerso da queste emozioni diverse, forte e deciso d’un tratto avverto il presente, il cuore s’allarga e inspiro felice la vita”.
Gli studi in economia lo hanno portato naturalmente verso la finanza, ma la sua vera natura erano le arti, arrivando a dipingere di notte.
Come è cominciata l’avventura delle Mostre?
Schivo per natura, sono stato sempre restio a mostrare i miei lavori, perché voleva dire svelare, scoprire una parte intima. L’insistenza di una amica a portare un’opera ad una collettiva a Londra nel 1983, il successo, poi come una spirale, una dietro l’altra le varie mostre.
Quale è stata la mostra che lo ha fatto sentire un vero“artista”?
Nel 2005 mi ha impressionato vedere una fila di gente che attendeva, pazientemente, per entrare, in una giornata glaciale a NYC e mi ha intimidito la mostra a Venezia nel 2006, dove ho esposto dopo il Tiepolo, con un vernissage con 500 persone solo per me. Non ero più un dilettante della pittura!
In ogni Mostra lascia a disposizione degli ospiti un libro dove poter scrivere riflessioni, quale è stato il complimento più emozionante?
Che con un quadro sono riuscito a trasmettere un messaggio di serenità. Mentre con una poesia una coppia si è ravvicinata.
Come nasce un quadro?
I lavori partono sempre stendendo il cielo-mare, un bianco grigio senza confine, che offre lo spunto ad andare oltre l’orizzonte, in una sorta di stazione metafisica. Colori lievi in contrasto con il blu intenso e l’arancione delle cerate dei pescatori, i cui tratti del viso sono appena accennati perché rappresentano l’umanità nella sua interezza, nelle posture tradizionali, in una paziente attesa, che non è mai afflizione, ma è più meditazione, lentezza, silenzio, armonia e rispetto della natura. In ogni quadro è presente come un punto fermo, la bricola, una struttura in legno che indica il canale, che diventa il punto di arrivo, di attracco, una firma. La mia pittura diventa riconoscibile per i colori, per la tecnica d’esecuzione che li rende delicati come un affresco.
Che rapporto ha con la Carta Diners?
Ho sempre utilizzato la Carta in via preferenziale dagli anni ’70.
Sorriso beffardo di chi ha attraversato la vita, con le sue tempeste, usando sapientemente e con meditazione i colori della tavolozza: il blu per la perdita, l’arancio per la gioia di vivere, il bianco per il silenzio.

Samantha Colocci
 

 

Tra Sièlo e Mar
Scivola lenta la barca
al ritmo costante
dell’umido remo.
Tende la prua lo sguardo ceruleo
al chiaro orizzonte infinito
che a poco a poco s’abbruna.
E scendono adagio le ombre.
Argentea risale la rete
a s’agita viva,
ondeggiando sul legno bagnato.
Del forte profumo salato
s’impregna il vento serale.
Quieto ed antico uno sguardo
s’appoggia alle tremule luci lontane.
Disegna un leggero sorriso
tra il cielo infinito e il mare.